sabato 8 agosto 2015

Un giovane travolto dall'acqua...

E' morto un ragazzo pakistano di 25 anni, affogato nell'Isonzo. Voleva lavarsi? Voleva rinfrescarsi? Non è tanto importante questo. La verità è un'altra: non si possono lasciare persone bivaccare su un fiume pericoloso, persone che non conoscono la lingua, non leggono i “divieti di balneazione” e comunque vivono in rifugi di fortuna a 40 gradi. Ma come si poteva pensare che non sarebbe successo nulla? Che con questa temperatura uno non desiderasse rinfrescarsi, o lavarsi i pantaloni, o fare un bagno? Se avessero avuto una tendopoli, un alloggio, questa disgrazia probabilmente non sarebbe accaduta. 
adg 

26 commenti:

  1. Dispiace sempre per una vita giovane persa così.
    Va ricordato che molte famiglie goriziane hanno visto i loro cari annegare nel fiume.

    RispondiElimina
  2. E con questo? Va ricordato anche che tutti moriamo, allora perchè piangere? Questa è una morte che si poteva evitare, se non si fossero lasciate le persone lì, senza fare nulla

    RispondiElimina
  3. No mi dispiace, qualche giorno fa sono morte anche tre ragazze marocchine travolte dai gorghi delle acque. Avevano casa e famiglia.
    e decine sono anche tutti gli altri, italiani, stranieri, turisti, residenti, o di passaggio, che ogni anno perdono la vita così.
    Purtroppo il fiume, come il mare, è sempre un richiamo.
    Avessimo pure dato le chiavi del castello, e la sala del conte per dormire, nell'Isonzo si continuerà ad annegare. il destino è Maktoob.

    RispondiElimina
  4. Certo, ma le probabilità si fanno più alte quando non si hanno bagni, servizi e luoghi dove lavare la roba e si vive all'aria aperta con 40 gradi.

    RispondiElimina
  5. Da ragazzo facevo molti campeggi scout in montagna. Scavavamo la latrina con il badile e ci versavamo dentro calce. Ci lavavamo alla buona nel Tagliamento ghiacciato. Non ricordo di aver ricevuto moniti o divieti.
    Eravamo tutti minorenni.
    Purtroppo le disgrazie succedono.
    Che il ragazzo possa ora riposare in pace.

    RispondiElimina
  6. Se fosse rimasto a casa sua, sarebbe ancora vivo.

    RispondiElimina
  7. Quando muore un italiano, chi se ne importa.. Ora muore un immigrato, e la nostra adg si sente in dovere di levare strali al cielo... che ipocrisia..

    RispondiElimina
  8. Le critiche di due bravi anonimi, sensibili e attenti, lasciano un segno profondo. Oh, che dolor!

    RispondiElimina
  9. Clandestino con permesso da profugo ammazza bimba italiana di 12 anni. Su questo non fate l'articolo strappalacrime, vero? Ipocriti e bugiardi.
    http://voxnews.info/2015/08/08/profugo-uccide-bambina-di-11-anni-ai-domiciliari-in-campo-abusivo/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E i Marò? E le foibe? E prima gli itagliani?

      Elimina
  10. ho letto l articolo e...si, un vero orrore. Povera bimba. Per parafrasare il post firmato adg: Se...questa disgrazia probabilmente non sarebbe accaduta.

    RispondiElimina
  11. Nemmeno sarebbe accaduta la tragedia degli africani morti dal caldo e dal lavoro in puglia per dare a voi e alle vostre pance la possibilità di riempirsi con la dieta mediterranea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vostre? La realtà dello schiavismo agricolo italiano esiste, ma non considerarti troppo superiore, pure il gadget elettronico con il quale scrivi commenti contiene una piccola percentuale di schiavismo produttivo.

      Elimina
    2. forse tu non hai capito. Io piuttosto che assistere alla tragedia di un paese distrutto e della cancellazione di un popolo, quello italiano, preferirei aver 100 volte la pancia vuota.

      Elimina
    3. mmm...In realtà hai parlato d'altro, e tutti abbiamo capito esattamente quello che hai scritto...

      Elimina
  12. Se non avessimo dei politici di sinistra che vogliono lucrare sulla accoglienza di questi finti profughi, quella povera bimba sarebbe ancora viva.

    RispondiElimina
  13. Ah, certo. Invece i politici di destra come Alemanno sono stati degli zuccherini, modelli di onestà.

    RispondiElimina
  14. http://m.gazzettadimodena.gelocal.it/modena/cronaca/2015/08/09/news/mi-hanno-stuprata-erano-in-quattro-1.11905493 picchiata e stuprata da 4 marocchini. Niente da dire?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E i Marò? E le foibe? E prima gli itagliani?

      Elimina
    2. Ti fanno ridere una bambina uccisa e una ragazza violentata? Speriamo capiti a tua figlia, poi vediamo come ironizzi....

      Elimina
    3. senti, carino, moderiamo i termini, perchè se ti becco ti parte una denuncia per minacce, ma voi omaccioni neri siete talmente conigli che senza l'anonimato tremereste di paura.

      Elimina
    4. Consiglierei all'anonimo delle07:07 di non insultare e di rimanere nei termini consentiti della discussione.Assieme a questi"volontari è probabile che ci siano anche avvocati stipendiati dalle onlus.Prendersi una denuncia o una querela per offese o presunte minacce sarebbe un problema non da poco,soprattutto in temini economici.Perciò vedete di non rispondere in maniera inconsulta e istintiva verso queste velate provocazioni,fareste il loro gioco.Usate la testa,per quanto vi è possibile

      Elimina
  15. Se invece che andare a sguazzare nel fiume si fosse messo a lavorare per la comunità che lo ospita, pulire i parchi o similari, sarebbe ancora vivo, il fannullone. Speriamo serva da monito ma, conoscendoli, non c'e' speranza..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se potessi, ti avrei censurato e di sicuro non mi farei ammazzare per difendere le tue idee. Voltaire, da oggi, in soffitta.

      Elimina
    2. Sono sincero, non approvo questo esodo senza alcuna regola e completamente fuori controllo (avvallato e protetto da chi?), ma censurerei senza alcuna remora anch'io l' orrendo commento dell'anonimo/a delle 07.09.
      mauro

      Elimina
    3. Meno male che c'è ancora qualcuno che ragiona

      Elimina